“Germogli di Comunità”: titolo più indovinato non poteva esserci per l’ultima edizione di Sementia, la quarta, che si è tenuta nel gennaio 2020 a Benevento. Una promessa, quella fatta durante la cerimonia conclusiva della tre giorni dedicata ai Grani Antichi siglata da una firma, raffigurata dall’atto dei rappresentanti delle Comunità presenti di introdurre dei granelli in un piccolo mulino: la creazione di una Comunità, la nascita della rete Slow Grains.

Da lì a qualche giorno anche in Italia il Covid 19 con tutte le sue nefaste conseguenze e la più dura delle precauzioni: restare distanti. La Comunità di Slow Grains ha voluto fortemente resistere ed i semi gettati a Benevento si sono come radici di un albero forte e vigoroso espansi e attraverso la Rete, come la pandemia ci ha costretti ad imparare, attraverso call, scambi di email, un gruppo whatsapp le comunità sono diventate 33, di cui una del bacino del Mediterraneo dalla Tunisia e altre stanno per unirsi.

Il germoglio della quarta edizione di Sementia ha già dato un primo frutto: la redazione del “Manifesto di Slow Grains” con l’identità e gli intenti di una Comunità in cammino con l’obiettivo di diventare una Comunità internazionale.