POIGA

Negli ultimi anni si parla sempre più del recupero e della conservazione dei grani “antichi”. Il progetto POIGA in linea con queste tendenze si propone la valorizzazione di quattro cultivar di frumento ascrivibili a tale gruppo.
La valorizzazione commerciale dei frumenti “antichi” contribuirà alla soluzione di problematiche che attanagliano il comparto cerealicolo e che si manifestano con l’abbandono delle aree collinari e montane per la scarsa sostenibilità di un’agricoltura basata sulla monocoltura dei grani moderni.  L’iniziativa proposta ha anche altre finalità in relazione ai seguenti tre ambiti: risorse genetiche (recupero e conservazione dei grani “antichi); qualità del cibo e nutrizione (proporre prodotti con elevata qualità nutrizionale e funzionale) e biodiversità e gestione della natura (coltivare in ambienti marginali non utilizzando prodotti chimici).

Grani antichi: quali vantaggi per l’agricoltura e l’ambiente?

“Grani antichi: quali vantaggi per l’agricoltura e l’ambiente?” I grani “antichi” permettono alle imprese cerealicole [...]

Gli obiettivi del Progetto Operativo di Innovazione per i Grani Antichi

“POIGA: gli obiettivi” Gli obiettivi che POIGA il Progetto Operativo di Innovazione per i Grani [...]

La rete Slow Grains accoglie chi studia, coltiva, trasforma e promuove le varietà autoctone di grano

“PALADINI DEI GRANI TRADIZIONALI DI TUTTO IL MONDO, UNITEVI!” è l’appello lanciato da Slow Food [...]